BF 2019

La terza edizione del Festival ha avuto luogo presso le location del Salone Gino Amisano della A.s.d. Cultur-Ale e nelle sale espositive della Galleria d’Arte Al51puntolab. La manifestazione ha avuto il suo avvio con il workshop di Street Photography tenuto dal fotografo freelance Raoul Iacometti che ha percorso le vie della città alla ricerca dello scatto unico e irripetibile caratteristico di questo genere fotografico.
Presso le sale espositive della Galleria d’Arte Al51puntolab sono state inaugurate le esposizioni fotografiche di 5 fotografi affermati a livello nazionale: Luca Abbadati, Monserrat Diaz, Isabella Sommati, Susanita, Zago che hanno presentato progetti del tutto diversi ma legati fra loro dal fil rouge dell’infanzia e dei ricordi. Le sale espositive di via Trotti hanno ospitato anche le opere di due giovani fotografi alessandrini che si sono distinti nel panorama fotografico nazionale per l’originalità e la ricerca che caratterizza i loro lavori: Laura Marinelli con “Ri-trattiamoci” e Marco Tagliafico con “The colour out of space”.
Presso i locali dell’A.s.d. Cultur-Ale in piazza Garibaldi, Angelo Ferrillo, noto fotoreporter di Agenzie Nazionali e docente aggiunto di fotografia allo IED di Milano, ha presentato, in collaborazione con la curatrice indipendente Benedetta Donato, il progetto di fotogiornalismo intitolato “258 minutes” che ripercorre i drammatici momenti dell’attentato terroristico al Bataclan di Parigi del 2015 ad un anno di distanza.

La terza edizione del Festival è stata sostenuta da:
* Soroptimist Club di Alessandria
* Fondazione Francesca e Pietro Robotti
* Inner Wheel di Alessandria